Marina Militare, “la Margottini in sosta a Gibuti”

Views

La FREMM sosterà per tre giorni nella città africana nell’ambito della Campagna Navale in Medio Oriente e Mar Arabico organizzata per garantire supporto al Sistema Paese

La Fregata Europea Multi Missione (FREMM) Carlo Margottini, dopo aver recentemente attraversato il Canale di Suez, è entrata oggi a Gibuti dove sosterà fino al 31 gennaio, prima tappa della campagna navale in Medio Oriente e Mare Arabico (MOMA), che vede l’unità Navale della Marina Militare svolgere attività di presenza e sorveglianza nell’area, a tutela delle linee di traffico marittimo di interesse nazionale.

La campagna rientra, inoltre, nell’ambito delle attività  svolte nel settore della cooperazione internazionale e del dialogo tra i Paesi dell’area con cui l’Italia intrattiene importanti rapporti politico-diplomatici, economici ed industriali, rappresentando, dunque, un’importante occasione per promuovere in modo integrato il “Sistema Paese”, affiancando e supportando le attività di importanti rappresentanti dell’industria nazionale per la difesa come Fincantieri, Leonardo, MBDA ed Elettronica, la cui collaborazione con la Marina Militare e la Difesa ha reso possibile la stessa campagna.

Lasciata Gibuti, nave Margottini farà tappa a Karachi (Pakistan), dove prenderà parte all’esercitazione “Aman 2019” con la marina pakistana e unità navali di altri 19 paesi, ad Abu Dhabi per partecipare alla “Naval Defence Exhibition” (NAVDEX 2019) nell’ambito dell’“International Maritime Defence Exhibition & Conference” (IDEX 2019), a Damman (Arabia Saudita), Kuwait City (Kuwait), Doha (Qatar) e Muscat (Oman).

La partecipazione di Nave Margottini alla IDEX-NAVDEX 2019 dimostra l’attenzione della Marina Militare verso gli sviluppi tecnologici e il ruolo che ricopre nelle collaborazioni con l’industria nazionale nella progettazione e realizzazione di piattaforme e sistemi avanzati quali le unità della classe FREMM.

Approfondimenti

NAVE MARGOTTINI – SEGUI LA CAMPAGNA

La fregata Carlo Margottini, al comando del capitano di fregata Marco Guerriero, è la terza unità del programma italo-francese FREMM (Fregata Europea Multi Missione) e la seconda in versione ASW (Anti Submarine Warfare). È stata varata il 29 giugno 2013 nel cantiere di Riva Trigoso (GE), consegnata alla Marina Militare il 27 febbraio 2014 e ha ricevuto la bandiera di Combattimento il 22 aprile 2016 a Reggio Calabria.

Contraddistinta dal distintivo ottico F 592, secondo la classificazione NATO, ha un dislocamento di 6700 tonnellate e raggiunge i 27 nodi di velocità. La nave ha un equipaggio di 168 uomini e donne.

E’ una fregata di nuova generazione caratterizzata dalla possibilità di impiego in diversi contesti operativi.

Dall’ingresso in servizio nave Margottini ha preso parte:

  • nel 2014, all’Operazione Mare Nostrum;
  • nel febbraio del 2015 all’esercitazione antisommergibile Smart Hunt collaborando con la Marina tedesca;
  • nel giugno del 2016 all’attività con la Marina degli Stati Uniti per la promozione della Green Fleet;
  • nel maggio 2017 all’esercitazione Mare Aperto 2017;
  • nel marzo 2018 alla sua prima campagna di naval diplomacy in Medio Oriente.

La nave, infine, ha partecipato all’operazione Mare Sicuro e all’operazione Atalanta, svolgendo compiti di presenza, sorveglianza e sicurezza marittima.

Marina Militare, “la Margottini in sosta a Gibuti”