Report, “le 10 aree del mondo a rischio conflitto per il 2019”

Views

(di Massimiliano D’Elia) Dal momento che il primato statunitense nel mondo, quale polizia globale, sta svanendo ovvero non è più come una volta, l’ordine internazionale è oggi più che mai nel caos. I leader mondiali sono sempre più spesso tentati nel mettere alla prova i limiti del diritto internazionale per rafforzare la propria influenza e diminuire quella dei rivali.

Il multilateralismo e i suoi vincoli sono sotto assedio, sfidati da una politica più transazionale. Gli strumenti di azione collettiva, come il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, sono paralizzati mentre quelli della responsabilità collettiva, compreso il Tribunale penale internazionale, sono ignorati e spesso denigrati.

L’uso di armi chimiche irachene contro l’Iran negli anni ’80, la guerra del 1990 in Bosnia, Rwanda e Somalia, le guerre post 11 settembre in Afghanistan e Iraq,  la brutale campagna del 2009 dello Sri Lanka contro i tamil e il crollo della Libia e del Sud Sudan sono gli effetti di un periodo di dominio Usa e occientale ragionevolmente coerente.

Un ordine liberale e nominalmente basato sulle norme non ha  impedito a coloro che dettavano le regole di far cadere nazioni o dittature quando lo ritenevano opportuno. Oggi l’ordine mondiale e l’influenza occidentale  è  significativamente intaccata dall’ascesa di Mosca, Pechino e dei paesi  in via di sviluppo.

Le  alleanze statunitensi avevano  plasmato per anni gli affari internazionali,  stabilito i limiti e gli ordini regionali in maniera strutturata. Ora, mentre l’influenza dell’Occidente diminuisce, accelerata dal disprezzo del presidente americano Donald Trump per gli alleati tradizionali e dalle lotte dell’Europa con la Brexit e il nativismo, i leader di tutto il mondo stanno sondando e spingendo oltre le proprie ambizioni per saggiare quanto lontano possano arrivare.

Nelle loro politiche interne, molti di questi nuovi leader coltivano ed intrecciano una miscela esplosiva composta di nazionalismo e autoritarismo. Il mix varia da luogo a luogo, ma in genere comporta il rifiuto delle istituzioni e delle regole internazionali. Una volta esisteva la solidarietà internazionale, oggi tutto è cambiato per la  crescita del populismo interno  che celebra una maggiore  identità sociale e politica, diffama minoranze, migranti e tende ad attaccare  lo stato di diritto e l’indipendenza della stampa, elevando la sovranità nazionale sopra ogni cosa.

Ne sono un esempio l’espulsione di massa di 700.000 Rohingya da parte del Myanmar, la brutale repressione da parte del regime siriano dell’insurrezione popolare, l’apparente determinazione del governo camerunese nel soffocare l’insurrezione anglofona, la guerra economica del governo venezuelano contro la sua stessa gente e il silenzio del dissenso in Turchia.

Anche oltre i confini questi leader tendono a testare le norme annettendo parti della Georgia e della Crimea e alimentando  la violenza separatista nella regione ucraina del Donbass. La Russia, ad esempio, sta imponendo il suo peso nel Mar d’Azov, avvelenando, tramite i social, società occidentali con la guerra informatica.

La Cina ostacola la libertà di navigazione nel Mar Cinese Meridionale e detiene arbitrariamente cittadini canadesi, tra cui Michael Kovrig, dell’International Crisis Group. L’Arabia Saudita è in prima linea  con la guerra in Yemen e protagosnista nel rapimento di un primo ministro libanese e il macabro omicidio del giornalista dissidente Jamal Khashoggi.

L’Iran complotta gli attacchi contro i dissidenti sul suolo europeo. Israele mina sempre più sistematicamente le basi per una possibile soluzione a due stati.

Tutte queste azioni extraterritoriali partono dal presupposto che ci saranno poche conseguenze per le violazioni delle norme internazionali.

Il tutto è generato in gran parte dalla pacatezza di Trump nel rispetto dei  diritti umani. Allo stesso modo Trump si sta muovendo per gli impegni internazionali americani tipo “stracciare” l’accordo sul nucleare iraniano e, peggio, minacciare di imporre sanzioni economiche a coloro che scelgono di rispettarlo, lasciando intendere che lascerà il Trattato sulle forze nucleari a intervallo intermedio se le richieste degli Stati Uniti non saranno soddisfatte.

Il pericolo maggiore è dato dal fatto che i leader mondiali sono convinti, oggi, della loro  immunità.

Per fortuna  in pochi casi le pressioni internazionali ancora funzionano. Il Bangladesh sembrava pronto a rimpatriare forzatamente alcuni rifugiati Rohingya in Myanmar, ma si è fermato, quasi certamente in risposta alle pressioni internazionali. La temuta riconquista russa di Idlib, l’ultima roccaforte ribelle in Siria, è stata, per ora, scongiurata, in gran parte a causa delle obiezioni turche, europee e statunitensi. Scongiurata per ora anche una potenziale offensiva guidata dai sauditi sul porto yemenita di Hodeidah, con Riyadh e Abu Dhabi ampiamente scoraggiati dagli avvertimenti sull’impatto umanitario e sui costi per la loro posizione internazionale.

Altrove, i leader che anticipano l’impunità sono stati colti di sorpresa dalla gravità della risposta: il presidente russo Vladimir Putin, ad esempio, dalle rigide sanzioni e dalla dimostrazione di risolutezza unita che le potenze occidentali hanno mantenuto dall’annessione della Crimea di Mosca e dall’uccisione del suo ex agente sul suolo britannico. Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman per l’oltraggio che seguì l’omicidio di Khashoggi.

Nel complesso, tuttavia, è difficile sfuggire alla sensazione che si tratti di eccezioni che dimostrano l’assenza di regole. L’ordine internazionale, così come lo conosciamo, si sta sgretolando e per il  2019 PRP Channel  segnala le  seguenti 10 aree calde da tenere sotto osservazione.

Yemen

La crisi umanitaria, la peggiore del mondo, potrebbe peggiorare ulteriormente nel 2019 se i principali attori non coglieranno l’opportunità creata nelle settimane scorse dall’inviato speciale delle Nazioni Unite Martin Griffiths nel raggiungere un cessate il fuoco parziale.

Dopo più di quattro anni di guerra e un assedio guidato dai sauditi, quasi 16 milioni di yemeniti affrontano “una grave insicurezza alimentare “, secondo il Regno Unito. Ciò significa che uno su due yemeniti non ha abbastanza da mangiare.

I combattimenti sono iniziati alla fine del 2014, dopo che i ribelli Houthi hanno espulso il governo riconosciuto a livello internazionale dalla capitale. Si è intensificato il marzo successivo, quando l’Arabia Saudita, insieme agli Emirati Arabi Uniti, ha iniziato i bombardamenti e il blocco dello Yemen, con l’obiettivo di invertire i guadagni degli Houthi e reinstallare il governo esautorato. Le potenze occidentali hanno ampiamente sostenuto la campagna a guida saudita.

Alla fine del 2018, le milizie yemenite sostenute dagli Emirati Arabi Uniti circondarono Hodeidah, un porto controllato dagli Houthi, attraverso il quale passavano gli aiuti per milioni di Yemeniti affamati. La coalizione sembrava intenzionata a trasferirsi, convinta che prendere il porto avrebbe schiacciato la ribellione e reso gli Houthi più flessibili. Mark Lowcock, il principale ufficiale di soccorso degli Stati Uniti, ha avvertito che tale azione  avrebbe potuto provocare una “grande carestia”. L’omicidio di Khashoggi ha spinto le potenze occidentali a ostacolare le ambizioni della coalizione del Golfo. Il 9 novembre, gli Stati Uniti hanno annunciato che non avrebbero più provveduto al rifornimento dei caccia della  coalizione per condurre raid aerei nello Yemen. Un mese dopo, Griffiths, con l’aiuto di Washington, ha concluso “l’Accordo di Stoccolma” tra gli Houthi e il governo yemenita, compreso un fragile cessate il fuoco attorno a Hodeidah.

Ci sono altri barlumi di luce. Le pressioni degli Stati Uniti per porre fine al conflitto potrebbero intensificarsi nel 2019. Il Senato ha già votato per prendere in considerazione la legislazione che esclude qualsiasi coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra. Una volta che i Democratici assumono il controllo della Camera dei Rappresentanti nel gennaio 2019, potrebbero muoversi in modo più convincente in questa direzione.

Afghanistan

Se lo Yemen è il peggior disastro umanitario del mondo, l’Afghanistan subisce i suoi combattimenti più letali. Nel 2018 la guerra ha ucciso più di 40.000 combattenti e civili. La decisione di Trump a metà dicembre di ridurre le forze statunitensi in Afghanistan è il segnale di Washington  per far avanzare gli sforzi diplomatici per porre fine alla guerra. Nel 2018, la guerra ha richiesto un tributo più alto che in qualsiasi momento da quando i talebani sono stati espulsi da Kabul più di 17 anni fa. Una tregua di tre giorni a giugno, attuata dai talebani e dal governo ha offerto una breve tregua, anche se i combattimenti sono ripresi subito dopo. I combattenti talebani ora controllano  metà del paese, tagliando le vie di trasporto e assediando città e paesi.

A settembre, Washington ha nominato il diplomatico veterano Zalmay Khalilzad come inviato per i colloqui di pace.  Sembra che i leader talebani stiano prendendo sul serio i colloqui, sebbene il processo sia bloccato dalla continua insistenza degli Stati Uniti per un disimpegno completo delle forze internazionali come precondizione per un più ampio processo di pace che coinvolga altre fazioni afgane.

Solo pochi giorni dopo gli ultimi colloqui di Khalilzad con i talebani è arrivata la bomba di Trump. Ritirare 7.000 soldati. Tutte le parti sono convinte, invece,  che un rapido ritiro potrebbe provocare una nuova grande guerra civile, un risultato che nessuno, compresi i talebani, vuole.

I paesi limitrofi e altri paesi coinvolti in Afghanistan – in particolare Iran, Pakistan, Russia e Cina non vogliono  un precipitoso ritiro degli americani. Potrebbero essere più inclini a sostenere la diplomazia degli Stati Uniti laddove Washington abbandoni la sua influenza strategica nell’Asia meridionale. L’annuncio di Trump potrebbe quindi spronarli a contribuire alla fine della guerra, ma i poteri regionali potrebbero altrettanto facilmente aumentare la loro ingerenza.

Il tempismo dell’annuncio di Trumo ha spiazzato tutti, Khalilzad, i vertici militari statunitensi e lo stesso governo afgano. Il fatto che il ritiro non fosse coordinato con Khalilzad ha indebolito il diplomatico nella trattativa in corso con i talebani. A Kabul, il senso del tradimento è  palpabile. Pochi giorni dopo, il presidente afghano Ashraf Ghani, in risposta, ha nominato due funzionari anti-talebani noti per la loro  linea dura come i suoi ministri della difesa e dell’interno. La decisione di Trump ha, quindi, solo aggiunto incertezza. Decisione che ha provocato le dimissioni del segretario della difesa Usa Mattis.

Cina e USA

La retorica tra i due leader è sempre più bellicosa e la rivalità potrebbe avere conseguenze geopolitiche più gravi di tutte le altre crisi elencate quest’anno.

In una Washington profondamente divisa, su una posizione sono tutti d’accordo, ovvero che la Cina è un avversario con il quale gli Stati Uniti sono inesorabilmente bloccati nella competizione strategica.

La maggior parte dei responsabili politici degli Stati Uniti concordano sul fatto che Pechino abbia sfruttato le istituzioni e le regole per aderire all’Organizzazione mondiale del commercio o aderire alla Convenzione del Regno Unito sul diritto del mare. La  presidenza a vita del presidente Xi Jinping, la rapida espansione dell’esercito cinese e l’estensione del controllo del Partito Comunista attraverso lo stato e la società confermano  a Washington la svolta pericolosa del paese del dragone. La Strategia nazionale per la difesa del governo degli Stati Uniti del 2018 cita la “competizione strategica interstatale” come la sua preoccupazione principale, con la Cina e la Russia nominate come concorrenti primarie, dopo molti anni dove il terrorismo era al primo  posto.

La Cina  non ha alcun desiderio di sfidare, al momento, radicalmente l’ordine mondiale. Né sarà in grado di eguagliare il peso globale di Washington in qualsiasi momento, a condizione che l’amministrazione Trump intraprenda dei passi per fermare l’emorragia degli alleati. Pechino, tuttavia, è sempre più pronta a gettare il proprio peso nelle istituzioni multilaterali e nella sua regione. In Asia, esiste già  una sfera d’influenza cinese in cui i vicini sono ancora sovrani ma deferenti.

I rischi di conflitti diretti rimangono scarsi, ma il Mar Cinese Meridionale è un punto critico  preoccupante. Gli ultimi due decenni hanno visto episodi di contrasto  occasionali tra le forze cinesi e gli aerei statunitensi. Pechino rivendica il 90% del Mar Cinese Meridionale, fermandosi a poche miglia dalle coste vietnamite, malesi e filippine e costruendo in modo aggressivo basi strategiche su isole naturali e artificiali. Dal punto di vista di Pechino, tali manovre sono procedure operative standard per quello che Xi definisce un “grande paese”. La Cina vuole ciò che gli Stati Uniti hanno: vicini fragili, influenza attorno alla sua periferia e capacità di controllare i suoi approcci marittimi e le sue linee di trasporto.

Pechino e Washington potrebbero raggiungere una qualche forma di accordo commerciale nei prossimi mesi, il che contribuirebbe ad alleviare le tensioni. Ma ogni tregua è probabilmente di breve durata  perché la competizione si estende anche in altri continenti appetibili tipo l’Africa.

Arabia Saudita, Stati Uniti, Israele e Iran

Proprio come il 2018 anche il 2019 presenta rischi di scontro – deliberati o involontari – che coinvolgono Stati Uniti, Arabia Saudita, Israele e Iran. I primi tre condividono una visione comune del governo di Teheran come una minaccia che è stata incoraggiata per troppo tempo e le cui aspirazioni regionali devono essere frenate. Per Washington, questo si è tradotto in un ritiro dall’accordo nucleare del 2015, il ripristino delle sanzioni, una retorica più aggressiva e minacce di ritorsioni potenti in caso di provocazione iraniana.

Riyadh ha abbracciato questo nuovo tono e, soprattutto nella voce del principe ereditario Mohammed bin Salman, ha suggerito che combatterà e cercherà di contrastare l’Iran in Libano, Iraq, Yemen e persino sul suolo iraniano.

Israele si è concentrata sulla Siria, dove ha regolarmente colpito obiettivi iraniani e allineati con l’Iran, ma ha anche minacciato di colpire il gruppo militante Hezbollah appoggiato dall’Iran in Libano.

L’Iran, nel frattempo,  ha ripreso i test missilistici, e gli Stati Uniti l’hanno accusata di usare i suoi seguaci sciiti in Iraq per minacciare in quell’area la presenza degli Stati Uniti. Il rischio di uno scontro accidentale  nello Yemen, nel Golfo Persico, in Siria o in Iraq non può essere scongiurato.

La fonte principale di tensioni, finora, è stata il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo nucleare e la reimposizione di sanzioni secondarie nei confronti di paesi impegnati in affari con Teheran. Che l’Iran non abbia risposto in modo naturale a ciò che descrive come una guerra economica deve molto agli sforzi degli altri paesi firmatari dell’accordo, vale a dire paesi europei, Russia e Cina. I loro tentativi di preservare un minimo di spazio per il commercio unito al loro continuo impegno diplomatico con Teheran hanno fornito ragioni sufficienti per i leader iraniani ad aderire ai termini dell’accordo.

Questo calcolo molto labile potrebbe cambiare. Gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita si augurano che le sanzioni costringano l’Iran a modificare il suo comportamento o favoriscano il cambio di regime poichè la stretta economica si sta ripercuotendo sul popolo iraniano.

L’ostilità tra Arabia Saudita e Iran si sta sviluppando  in tutto il Medio Oriente, dallo Yemen al Libano. Qualcuno di questi conflitti potrebbe degenerare. Lo Yemen è probabilmente il più pericoloso. Se un missile Houthi dovesse infliggere vittime in una città saudita o se gli Houthi puntassero alle spedizioni commerciali internazionali nel Mar Rosso – una mossa che hanno a lungo minacciato di fare – il conflitto potrebbe entrare in una fase molto più pericolosa.

In Siria, Israele è stato finora abile nel colpire obiettivi iraniani senza scatenare una guerra più ampia. L’Iran, senza dubbio consapevole del costo potenziale di tale escalation, calcola di poter assorbire tali attacchi senza mettere in pericolo i suoi interessi più profondi e la presenza a lungo termine in Siria. Ma il teatro siriano è congestionato, la tolleranza iraniana non è illimitata, e la probabilità di un errore di calcolo o di un attacco andato storto rimane un rischio.

L’assassinio di ottobre di Khashoggi ha amplificato le critiche negli Stati Uniti sia della politica estera saudita sia del sostegno incondizionato concesso da Washington. Questi sentimenti si intensificheranno l’anno prossimo quando i democratici assumeranno il controllo della Camera. Si può solo sperare che ciò porti a una più forte pressione degli Stati Uniti su Riyadh per porre fine alla guerra nello Yemen e a un maggiore controllo del Congresso sulle politiche di escalation degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita.

Siria

Alla fine del 2018, sembrava che il conflitto siriano continuasse sullo stesso percorso. Sembrava che il regime di Bashar al-Assad, con l’aiuto di Iran e Russia, avrebbe vinto la sua battaglia contro l’opposizione. La guerra contro lo Stato islamico era giunta al traguardo. Gli attori stranieri mantenevano un fragile equilibrio in varie parti del paese: tra Israele, Iran e Russia nel sud-ovest; Russia e Turchia nel nord-ovest; e gli Stati Uniti e la Turchia nel nord-est. Ma con una telefonata di metà dicembre al presidente turco Recep Tayyip Erdogan che annunciava il ritiro delle truppe americane, Trump ha ribaltato tale equilibrio; aumentato le probabilità di un sanguinoso conflitto che coinvolge la Turchia, i suoi alleati siriani, i curdi siriani e il regime di Assad; così facendo, potenzialmente ha dato allo Stato islamico una nuova prospettiva di vita alimentando il caos sul quale prospera.

La precedente politica dell’amministrazione Trump di mantenere indefinitamente una presenza militare in Siria era sempre di valore discutibile. Non era chiaro in che modo 2.000 truppe statunitensi avrebbero potuto frenare l’influenza iraniana o creare una pressione significativa sul regime di Assad. La lotta contro lo Stato islamico non è finita e  non si ritiene necessario il mantenimento delle truppe americane sul terreno. Detto questo, un precipitoso ritiro rappresenta uno dei principali rischi: lascerà le Unità di protezione popolare (YPG) – il gruppo armato dominato dai kurdi che ha collaborato con le forze statunitensi contro lo Stato islamico e ora controlla circa un terzo del territorio siriano – pericolosamente esposto.

Le YPG potrebbero imbattersi in un attacco dalla Turchia (che considera un’organizzazione terroristica a causa della sua affiliazione con il Partito dei lavoratori del Kurdistan, o PKK) o dal regime di Assad (che mira a riaffermare il controllo su tutto il paese, compresa la nord-est ricco di petrolio). Se si verifica tale disordine, lo Stato islamico potrebbe cogliere l’opportunità per  riorganizzarsi  e riconquistare parte del territorio che ha perso negli ultimi due anni.

Sia gli Stati Uniti che la Russia hanno interesse nel prevenire una lotta totale per il territorio Siriano a causa del pericolo dello Stato islamico e perché (dal punto di vista della Russia) potrebbe portare la Turchia a controllare un maggior numero di territori alleati a Mosca.

Washington e Mosca dovranno persuadere la Turchia a non lanciare un assalto al territorio controllato dalle milizie YPG, persuadere l’YPG a ridurre il suo profilo armato e facilitare un accordo tra Damasco e YPG che comporti il ritorno del governo siriano a nord-est unito a un certo grado di autogoverno curdo nell’area. Un risultato del genere permetterebbe alla Siria di ripristinare la propria sovranità, rassicurando la Turchia limitando l’autorità e la potenza di fuoco delle YPG e proteggendo i kurdi dagli attacchi militari.

Nigeria

I nigeriani andranno alle urne nel febbraio 2019 per eleggere un presidente e una nuova legislatura federale, e ancora una volta a marzo per scegliere governatori e legislatori statali. Le elezioni nigeriane sono tradizionalmente violente e le condizioni questa volta sono particolarmente infiammabili.

Il combattimento tra l’attuale presidente Muhammadu Buhari e il suo principale rivale, l’ex vicepresidente Atiku Abubakar, sarà molto cruento. Le relazioni tra il governo di Buhari il Congresso progressista e il Partito democratico popolare di Abubakar – che ha governato per 16 anni fino a quando Buhari è salito al potere – sono tanto aspre nella capitale quanto lo sono in tutto il paese. Le dispute tra Buhari e i leader delle due camere del parlamento hanno ritardato i finanziamenti per la commissione elettorale e le agenzie di sicurezza, ostacolando i preparativi elettorali. La sfiducia dell’opposizione sia della commissione che delle forze di sicurezza aumenta i rischi di proteste durante e dopo il voto. Tali proteste hanno un precedente travagliato: le dimostrazioni dopo i sondaggi del 2011 si sono trasformate in attacchi alle minoranze nel nord della Nigeria, in cui morirono oltre 800 persone.

L’elezione arriva in cima alle altre sfide. I livelli di criminalità violenta e di insicurezza generale restano elevati in gran parte del paese. I civili in alcune parti del nord-est sopportano il peso del brutale conflitto tra le truppe governative e l’insurrezionalista islamista Boko Haram. Una fazione militante, conosciuta come Provincia dello Stato islamico dell’Africa occidentale, sembra guadagnare terreno. La violenza nella cintura media della Nigeria lo scorso anno tra pastori prevalentemente musulmani e agricoltori per lo più cristiani ha raggiunto livelli senza precedenti, portando all’uccisione di circa 1.500 persone. Sebbene lo spargimento di sangue si sia calmato nei mesi scorsi, ha sfibrato le relazioni intercomunali, in particolare tra musulmani e cristiani, in quelle aree, notoriamente importanti dato che i voti da lì potrebbero far oscillare il voto presidenziale nazionale.

Già, i politici stanno alimentando divisioni per fini elettorali, anche utilizzando un linguaggio incendiario basato sull’identità contro i rivali. Anche nel Delta del Niger, ricco di petrolio, le tensioni tra i locali e il governo federale potrebbero ribollire quest’anno, data la rabbia  per il fallimento di quest’ultimo nel rispettare le promesse di ripulire l’inquinamento da petrolio, costruire infrastrutture e aumentare gli investimenti sociali negli ultimi anni.

L’immediata priorità per il governo deve essere quella di evitare una crisi elettorale rafforzando la sicurezza negli stati vulnerabili e adottare misure per garantire che le forze di sicurezza agiscano in modo imparziale, mentre tutte le parti si impegnano a condurre campagne pacifiche e gestire le controversie in modo lecito.

Sud Sudan

Da quando la guerra civile del Sud Sudan è scoppiata cinque anni fa, 400.000 persone sono morte. A settembre, il presidente Salva Kiir e il suo principale rivale, l’ex vicepresidente, hanno firmato un accordo per un cessate il fuoco e governare insieme fino alle elezioni del 2022.

L’accordo soddisfa – almeno per ora – gli interessi dei due antagonisti e quelli dei presidenti Omar al-Bashir del Sudan e Yoweri Museveni dell’Uganda, i due leader regionali con più influenza in Sud Sudan. Soprattutto, ha ridotto la violenza. Per ora, questo è un motivo sufficiente per sostenere l’accordo.

Prevedendo elezioni nel 2022, l’accordo perpetua la rivalità tra Kiir e Machar fino ad allora, aprendo la strada a un’altra resa dei conti. Gli accordi più allarmanti e di sicurezza per Juba, la capitale, rimangono contestati, così come i piani per unificare un esercito nazionale.

In Sudan, nel frattempo, Bashir affronta quella che potrebbe essere una seria sfida alla sua stessa regola. A metà dicembre, i manifestanti sono scesi in strada in molte città  a causa dei  prezzi alti, sollecitando il presidente a dimettersi.

Infine, i donatori, diffidenti nei confronti delle operazioni di finanziamento che sono fallite in passato, attendono maggiore stabilità. Gli Stati Uniti, che fino a poco fa hanno guidato la diplomazia occidentale nel Sud Sudan, hanno fatto un passo indietro. Altri stanno aspettando di vedere i passi tangibili di Kiir e Machar prima di aprire i loro libretti degli assegni.

Tale cautela è comprensibile. Ma se questo accordo fallisce, non è chiaro cosa lo sostituirà, e il paese potrebbe collassare di nuovo nel caos con grossi spargimenti di sangue.

Camerun

Una crisi nelle aree anglofone del Camerun è sul punto di intensificare la guerra civile e destabilizzare un paese che un tempo era considerato un’isola felice in una regione travagliata.

Il ritmo della crisi è aumentato costantemente dal 2016, quando insegnanti e avvocati anglofoni scesero in piazza per protestare contro l’uso strisciante del francese nei sistemi di istruzione e legali. Le loro dimostrazioni si sono trasformate in proteste più ampie sull’emarginazione della minoranza anglofona del Camerun, che rappresenta circa un quinto della popolazione del paese. Il governo ha rifiutato di riconoscere le rimostranze degli anglofoni e le  forze di sicurezza hanno represso violentemente le proteste arrestando gli attivisti. La risposta ha alimentato ulteriormente la rabbia degli anglofoni contro il governo centrale.

Quasi 10 milizie separatiste ora combattono le forze governative, mentre due organizzazioni forniscono indicazioni dall’estero: il governo ad interim di Ambazonia (il presunto nome dell’autoproclamato Stato anglofono) e il Consiglio direttivo di Ambazonia. I separatisti sono chiamati non solo contro le forze di sicurezza camerunesi, ma anche contro i gruppi di “autodifesa” filogovernativi. Le bande criminali nelle aree anglofone hanno approfittato del caos per espandere le loro attività.

Secondo le stime del Gruppo Internazionale di Crisi, i combattimenti hanno già ucciso circa 200 soldati, gendarmi e agenti di polizia, con circa 300 feriti, e ucciso più di 600 separatisti. Almeno 500 civili sono morti. L’U.N. conta 30.000 rifugiati anglofoni in Nigeria e 437.000 sfollati interni in Camerun.

Disinnescare la crisi richiederà misure tendenti al rafforzamento della fiducia. Questi dovrebbero includere il rilascio da parte del governo di tutti i detenuti politici, compresi i leader separatisti; un impegno da entrambe le parti per attuare un cessate il fuoco e supporto per una prevista conferenza anglofona, che consentirebbe agli anglofoni di selezionare i leader per rappresentarli nelle trattative. Questi passi potrebbero aprire la strada a colloqui tra il governo e i leader anglofoni, seguiti da qualche forma di dialogo nazionale in cui le opzioni per il decentramento o il federalismo sarebbero sul tavolo.

Le autorità camerunesi hanno fatto una mossa gradita a metà dicembre quando hanno rilasciato 289 detenuti anglofoni, sebbene centinaia, compresi i leader separatisti, siano ancora dietro le sbarre. Non è chiaro se ciò dimostri un autentico cambiamento  da parte del governo, che è apparso determinato a schiacciare i ribelli piuttosto che affrontare le preoccupazioni anglofone. Senza un significativo e reciproco compromesso, il Camerun rischia di scivolare verso un conflitto importante e destabilizzante.

Ucraina

La guerra in Ucraina continua a bruciare. Spaventa al mondo intero l’annessione della Crimea della Russia nel 2014 e il  successivo sostegno ai separatisti nella regione orientale del Donbass dell’Ucraina. L’ultimo punto di infiammabilità è il Mar d’Azov, dove a novembre le navi russe e ucraine si sono scontrate e la Russia ha effettivamente bloccato l’accesso allo stretto di Kerch, alla foce del mare.

Come lo vede Kiev, l’attacco alle navi militari ucraine e il sequestro di due dozzine di marinai è il culmine di mesi di tentativi russi di cacciare il naviglio ucraino  da quelle acque, violando un trattato bilaterale del 2003 che garantisce la libera navigazione di entrambi i paesi. Mosca afferma che le navi stavano entrando nelle sue acque costiere e che il presidente ucraino Petro Poroshenko ha provocato la scaramuccia per sostenere il sostegno occidentale e la sua base nazionale in vista delle elezioni presidenziali previste per il marzo 2019. I successivi sforzi di Poroshenko per introdurre la legge marziale non hanno aiutato; il Cremlino, insieme ai critici interni del presidente, lo ha dipinto come una trovata politica. In ogni modo, l’incidente ha evidenziato chiaramente la ritrovata volontà di Mosca di usare apertamente la forza contro l’Ucraina.

Nel frattempo, i combattimenti nel Donbass continuano e i civili che vivono in prima linea, abbandonati sia da Kiev che dai separatisti, stanno pagando il prezzo. Né l’Ucraina né la Russia hanno preso provvedimenti per porre fine alla guerra. Kiev si rifiuta di trasferire il potere al Donbass – qualcosa che si è impegnato a fare come parte degli accordi di Minsk che stabiliscono un percorso per porre fine alla guerra – fino a che la Russia non ritirerà armi e personale da aree separate dai separatisti, cosa che Mosca mostra scarsa disponibilità a fare. Le proposte per possibili missioni di mantenimento della pace non hanno trovato ancora facile attuazione.

Probabilmente Kiev non si muoverà prima delle elezioni (oltre al voto presidenziale, i sondaggi parlamentari sono previsti prima della fine dell’anno). La Russia può allentare la morsa nelle aree separatiste, ma è improbabile che possa smettere di influenzare il Donbass in tempi brevi. Le elezioni ucraine o gli sviluppi interni in Russia potrebbero offrire opportunità per il processo di pace. Ma come mostra l’Azov, il pericolo di un’escalation è sempre presente.

Venezuela

Sede di enormi riserve di petrolio, il Venezuela dovrebbe essere l’invidia dei suoi vicini, tuttavia l’implosione del Paese minaccia di provocare una crisi regionale.

L’economia venezuelana è in caduta libera, con un impatto sociale devastante. Povertà e malnutrizione dilagano. Malattie una volta sradicate, come la difterite, sono ritornate. Circa 3 milioni dei 31 milioni di venezuelani sono fuggiti dal paese, principalmente in Colombia e altri paesi vicini. L’U.N. si aspetta che il numero salga a 5,3 milioni entro la fine del 2019.

La cricca dominante del presidente Nicolás Maduro, che ha mal gestito  l’economia, ora rifiuta di ammettere l’agonia venezuelana e non accetta aiuti umanitari. Il governo ha smantellato le istituzioni del paese, spogliando il parlamento e  controllando l’opposizione. Il 10 gennaio 2019, Maduro inizierà un secondo mandato, anche se i suoi avversari interni e  gran parte del mondo esterno considerano credibile la sua rielezione. L ‘opposizione è, invece, paralizzata da lotte intestine, con una fazione, per lo più in esilio, che chiede alle potenze straniere di rovesciare Maduro con la forza.

I vicini del Venezuela stanno affrontado il problema dell’afflusso di persone che fuggono dal paese. Un barometro dell’impazienza latinoamericana è la posizione di Luis Almagro, il segretario generale dell’Organizzazione degli Stati americani. A settembre scorso ha affermato che la regione “non dovrebbe escludere alcuna opzione”, anche quella militare. L’amministrazione Trump ha anche fatto accenni simili. Un discorso del genere potrebbe essere proprio questo e uno dei più forti critici di Maduro, il nuovo presidente colombiano Iván Duque, lo ha sconfessato in ottobre poichè l’azione militare esterna potrebbe provocare ulteriore caos.

Report, “le 10 aree del mondo a rischio conflitto per il 2019”