Ispi:”Haftar uomo dell’anno”

Views

L’Istituto per gli studi politici internazionali (ISPI), il più antico gruppo di esperti in Italia specializzato in affari internazionali, ha pubblicato una serie di articoli su “Cosa ci aspetta nel 2019?” DOVE cui l’Istituto offre dieci previsioni per l’anno 2019. Lo riporta The Lybian Address Journal.

Un articolo, scritto dai membri dell’ISPI Federica Saini Fasanotti e Arturo Varvelli, è intitolato “L’anno di Haftar”.

Nell’articolo, gli scrittori analizzano l’ascesa del feldmaresciallo Khalifa Haftar, comandante generale dell’Esercito nazionale della Libia (LNA), definendola una figura chiave nelle scene libiche e internazionali e il suo ruolo nell’influenzare il futuro politico del paese.

“Khalifa Belqasim Haftar, un militare di alto livello con profonde ambizioni politiche, rappresenta in molti modi la Libia di oggi e la sua natura controversa “.

Dalla rivolta libica del 2011 “il nome di Haftar, collegato sempre più al destino della Cirenaica … è stato in grado di resistere alle guerre civili, ai conflitti tribali e alle pressioni internazionali”.

“Giorno dopo giorno è riuscito a superare le grinfie delle tribù della Cirenaica ed attirare l’interesse e il sostegn anche di potenze straniere di un certo calibro, come l’Egitto, gli Emirati Arabi Uniti, la Russia”.

“La sua voce è stata sempre più sentita, anche in Europa, come dimostra il caso dell’Italia, sorda di fronte alle sue iniziali richieste ed ora dopo il vertice di Palermo interlocutore di primo livello “.

Gli articoli hanno anche affermato che l’influenza del feldmaresciallo Haftar ha fatto superare le difficoltà politiche a causa della sua influenza sul territorio.

“Haftar non ha solo guadagnato spazio a livello politico, ma sempre più anche a livello territoriale. Militarmente non ha mollato la presa sul deserto libico, raggiungendo alcuni capisaldi nel Fezzan, alle porte della Tripolitania. “

L’articolo afferma inoltre che il feldmaresciallo Haftar è stato in grado di realizzare ciò che nessuno ha realizzato in Libia negli ultimi otto anni, combattendo da solo il terrorismo.

“Haftar è riuscito a realizzare ciò che nessuno negli ultimi otto anni in Tripolitania e Fezzan è riuscito a fare: unificare – anche se militarmente – un territorio vasto ed eterogeneo”

Gli articoli hanno concluso prevedendo che se il feldmaresciallo Haftar vincesse le elezioni libiche il prossimo anno, “potrebbe vantare una chiara leadership” nel paese e contribuire a farlo uscire davvero dal caos.

“Se una maggioranza uscisse dalle prossime elezioni, vicino a Haftar, il gioco sarebbe fatto. Il generale potrebbe vantare un chiaro ruolo di guida supportato da una rinnovata legittimità internazionale “.

Ispi:”Haftar uomo dell’anno”