L’evoluzione dell’ISIS da Stato di fatto a “organizzazione clandestina efficace”

Views

Secondo un rapporto edito dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti lo Stato islamico sta rapidamente tornando alle sue radici ribelli, mentre gli osservatori in Iraq e Siria avvertono che stanno rilevando un risveglio del gruppo.
Sono passati quattro anni da quando lo Stato islamico – conosciuto poi come lo Stato islamico di Iraq e Siria, o ISIS – ha conquistato gran parte della Siria orientale e più di un terzo del territorio iracheno. Ma entro la fine del 2017, praticamente l’intero “califfato” di Isis era stato cancellato da una “alleanza diabolica” di forze governative irachene appoggiate dagli Stati Uniti, milizie sciite supportate dall’Iran, guerriglieri curdi e forze aeree occidentali.
Tuttavia, gli esperti avvertono che, nonostante la perdita di controllo territoriale, lo Stato islamico mantiene una forza attiva di almeno 30.000 combattenti armati in Iraq e in Siria. Inoltre, un recente rapporto del governo statunitense sostiene che, essendo stato cacciato da quasi tutto il territorio detenuto in passato, lo Stato islamico sta prontamente “ritornando alle sue radici ribelli”. Il rapporto, scritto da analisti del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, afferma che il gruppo militante sunnita sta “riemergendo come forza guerrigliera”. Al posto di quello che era uno stato di fatto, ora sembra emergere “un’efficace organizzazione ISIS clandestina”.
Il documento del Pentagono, ripreso in un articolo dal Financial Times di giovedì, sembra essere sostenuto da informazioni provenienti da terra in Iraq e in Siria. Fonti militari irachene hanno riferito al Times che ISIS sembra avere più combattenti nelle sue fila di quanto inizialmente pensato, e che la struttura organizzativa del gruppo che l’ha aiutata a crescere in primo luogo “non è stata eliminata”.
Sempre secondo quando si legge nell’articolo, il gruppo continua ad essere finanziato e le sue operazioni rimangono letali specialmente in Iraq, dove continua a minare gli sforzi del governo che sta cercando di migliorare la sicurezza del paese.
Secondo il “The Times”, i combattenti dello Stato islamico stanno sistematicamente prendendo di mira i leader regionali per impedire al governo di fornire uno sviluppo economico nelle regioni occidentali a maggioranza sunnita dell’Iraq. Stessa tattica è stata rilevata in Siria, dove la ripresa dell’attività di ISIS ha portato al prolungamento della presenza di un dispiegamento statunitensi di circa 2.000 militari.
Inoltre, i combattenti dell’ISIS attraversano frequentemente il confine tra Iraq e Siria e trascorrono gran parte del loro tempo in case sicure e altri nascondigli. Il giornale cita Yahya Rasool, portavoce del comando delle operazioni congiunte dell’esercito iracheno, che afferma che “la nostra guerra contro l’ISIS oggi è una guerra di intelligence, non una guerra militare. Stiamo cercando e saccheggiando i loro nascondigli “.

L’evoluzione dell’ISIS da Stato di fatto a “organizzazione clandestina efficace”

EVIDENZA 3, INTELLIGENCE |