Marocco, arrestato cittadino svizzero per l’uccisione di Louisa Vesterager Jespersen e Maren Ueland

Views

L’agenzia antiterrorismo marocchina ha reso noto di aver arrestato un cittadino svizzero implicato nell’uccisione di Louisa Vesterager Jespersen, 24 anni, dalla Danimarca, e Maren Ueland, 28 anni, dalla Norvegia, trovate morte lo scorso 17 dicembre vicino al villaggio di Imlil nelle montagne dell’Atlante.
L’uomo arrestato è anche sospettato di “coinvolgimento nel reclutamento di cittadini marocchini e sub-sahariani per effettuare complotti terroristici in Marocco contro obiettivi e forze di sicurezza straniere al fine di impossessarsi delle loro armi di servizio”, l’Ufficio centrale per le indagini giudiziarie (BCIJ) disse.
Diciannove altri uomini sono stati arrestati in relazione al caso, tra cui quattro principali sospettati che avevano giurato fedeltà allo Stato islamico in un video fatto tre giorni prima che i corpi dei turisti venissero rinvenuti.
La settimana scorsa Boubker Sabik, portavoce della polizia e dell’intelligence nazionale, ha descritto i quattro uomini come “lupi solitari” e ha affermato che “il crimine non è stato coordinato con lo Stato islamico”.
Il Marocco, rispetto ad altri paesi del Nord Africa, è il paese meno colpito dagli attacchi dei militanti dello Stato islamico. L’ultimo attacco risale all’aprile del 2011, quando 17 persone sono state uccise nel bombardamento di un ristorante a Marrakech.

Marocco, arrestato cittadino svizzero per l’uccisione di Louisa Vesterager Jespersen e Maren Ueland