Amnesty International condanna l’Europa per gestione flussi migratori dalla Libia

Views

Amnesty International ha criticato, in una dichiarazione lunedì scorso, le politiche “deplorevoli” e “spietate” dell’Unione europea per quanto riguarda la risposta alla crisi migratoria nel Mediterraneo.

“A causa delle spietate politiche degli stati dell’UE per impedire l’arrivo di migliaia di uomini, donne e bambini sulle coste europee, gli stessi sono intrappolati in Libia, esposti a terribili violazioni. A cio’ si aggiunge tristemente la deplorevole inadeguatezza dell’assistenza fornita da questi Stati per consentire ai rifugiati di proteggersi attraverso canali regolari “.

Amnesty ha ribadito che “i migranti e i rifugiati detenuti nei centri di detenzione libici sono sottoposti regolarmente a torture, estorsioni e stupri”.

Amnesty ha criticato il ripetuto invio di persone  in un centro di accoglienza promosso dall’UNHCR in Libia, “che mette al sicuro solo un migliaio di rifugiati dai centri di detenzione dove sono esposti a violazioni”, aggiungendo, “questo centro e’  senza dubbio un progresso, ma aiuta solo una piccola parte dei rifugiati imprigionati e non e’ una soluzione duratura “. Amnesty ha affermato che, negli ultimi due anni, gli Stati membri dell’UE hanno messo in atto una serie di misure per bloccare la migrazione nel Mediterraneo centrale “concludendo accordi con le milizie in Libia e ostacolando il lavoro delle ONG che conducono operazioni di ricerca e soccorso”.

“Poiché il Mar Mediterraneo centrale è quasi completamente chiuso e le autorità libiche detengono illegalmente i profughi in stato di detenzione e si rifiutano di rilasciarli alla custodia dell’UNHCR, l’evacuazione in un altro paese attraverso i programmi gestiti dalle Nazioni Unite è l’unica via d’uscita dai centri di detenzione libici “.

Amnesty ha anche criticato la Libia per la sua “politica di detenzione intollerabile”. L’organizzazione ha precisato che “gli scontri armati che si sono svolti quest’anno a Tripoli tra agosto e settembre hanno reso la situazione ancora più pericolosa per i rifugiati e i migranti. Le persone detenute nei centri di detenzione sono stati feriti da proiettili vaganti. È anche accaduto che le guardie carcerarie siano  fuggite  per evitare  il pericolo del lancio di razzi lasciando migliaia di detenuti senza cibo e acqua “.

Amnesty International condanna l’Europa per gestione flussi migratori dalla Libia

EVIDENZA 1, MONDO |