Lavrov: “risponderemo al dispiegamento di missili Usa in Europa”

Views

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov in un’intervista alla rete televisiva “Rossiya-1” ha detto che ” la Russia fornirà una risposta speculare in caso di collocamento di missili statunitensi in Europa, vietati dal Trattato sulle forze nucleari a medio raggio (Inf). Sfortunatamente, i nostri colleghi europei, la cui indipendenza desideriamo essere riflessa nelle loro azioni, non sono molto pronti per questo e seguono gli Stati Uniti anche quando vanno direttamente contro i loro interessi.

Un esempio: votare contro la risoluzione russa a sostegno del mantenimento del trattato Inf. Abbiamo sentito il maggior numero di preoccupazioni sull’uscita unilaterale degli Stati Uniti da questo trattato in Europa. Tuttavia, l’intera Unione europea ha votato contro la nostra offerta. Il prossimo passo, naturalmente, potrebbe vedere la risposta della Federazione Russa al voto. Non è una nostra scelta, ma le capitali europee devono comprendere la minaccia alla sicurezza degli stessi europei”.

Nel corso dell’intervista, riporta l’Agenzia di stampa italiana Nova, Lavrov, rispondendo ad una domanda sulla possibilità di tenere nuovi colloqui tra il presidente russo Vladimir Putin e l’omologo statunitense Donald Trump, ha osservato che una simile richiesta dovrebbe essere indirizzata a Washington. “Dovete rivolgere questa domanda a Washington, il nostro presidente e i suoi rappresentanti hanno dichiarato ripetutamente che siamo pronti per questi colloqui quando Washington sarà pronta”. Secondo il ministro, Mosca comprende “fino a che punto la politica estera Usa nei confronti della Russia è diventata prigioniera delle sue lotte interne”. “È considerato utile per ottenere voti extra competere su chi attaccherà di più la Russia”, ha affermato il capo della diplomazia moscovita. “Non possiamo fare nulla a tale riguardo, ma siamo sempre pronti per un dialogo equo con tutti i paesi, compresi gli Stati Uniti”.

Putin e Trump si sarebbero dovuti incontrare il primo dicembre durante il summit del G20 a Buenos Aires, in Argentina, tuttavia, il leader degli Stati Uniti ha annullato l’incontro all’ultimo momento a causa degli eventi legati allo Stretto di Kerch (crisi con l’Ucraina).

Il 2018, ha continuato Lavrov, è stato un anno “difficile” per la Russia, visto che alcuni paesi che considerano la Federazione come una “concorrente per il dominio mondiale” avrebbero esercitato pressioni su Mosca. “Penso che non sia necessario nemmeno menzionare quanto sia stato un anno difficile, proprio come il fatto che la Russia si trova costantemente sotto pressione da parte di coloro che la vedono come un concorrente per alcune posizioni dominanti nella politica globale. Le azioni degli Stati Uniti servono da esempio anche perché gli Usa hanno dichiarato “apertamente” la necessità del contenimento di Russia, Cina, Iran e Corea del Nord.

Lavrov: “risponderemo al dispiegamento di missili Usa in Europa”

EVIDENZA 1, MONDO |