Sciiti in Iraq come la “mafia”, elevato il risentimento dei sunniti che sostenevano l’Isis

Views

Le milizie sciite che hanno combattuto nella guerra contro lo Stato Islamico sono ora “dedite ad  attività di stampo mafioso” nelle ex roccaforti dello Stato Islamico. I sunniti iracheni temono un’altra rivolta islamica, secondo un articolo pubblicato sul Washington Post. Nel 2014, la rapida ascesa dello Stato islamico dell’Iraq e della Siria – l’ISIS, in seguito ribattezzato Stato islamico – fu largamente aiutata dalla convinzione degli arabi sunniti di essere cittadini di seconda classe in un Iraq dominata dagli sciiti. Il sostegno popolare allo Stato islamico tra la minoranza araba sunnita irachena ha colto di sorpresa il governo iracheno e ha quasi permesso al gruppo militante di conquistare Baghdad nel 2015. Oggi, dopo la distruzione dell’autoproclamato dello Stato islamico, la sicurezza e l’intelligence dominate dagli sciiti dell’Iraq  sono tornati nelle regioni a maggioranza sunnita che un tempo erano governate dall’ISIS.

AIUTA PRP Channel – clicca e DONA 0,50 CENTESIMI

Ma ci sono segnali che circa 50 milizie sciite, che sono state sostenute dallo stato iracheno durante la guerra contro l’ISIS, stanno diventando delle bande armate altamente autonome che stanno minando il governo centrale di Baghdad.

Queste milizie – molte delle quali sono politicamente allineate con l’Iran – sono sostanzialmente  frange armate di partiti politici sciiti che controllano più di un quarto dei seggi nel parlamento iracheno. Nel 2014, il governo iracheno dominato dagli sciiti tentò di utilizzare il potere delle milizie unendole sotto l’egida delle Forze di mobilitazione popolare (PMF). Le truppe PMF hanno partecipato a tutti i principali fronti della guerra contro l’ISIS e oggi sono una forza militare ufficialmente riconosciuta con  retribuzioni equivalenti a quelle dell’esercito e della polizia irachene. Tecnicamente, il PMF opera sotto il comando del primo ministro iracheno. In realtà, tuttavia, le milizie che costituiscono il PMF sono guidate dai loro rispettivi comandanti sciiti, molti dei quali sono ideologicamente alleati con Teheran.
Le milizie del PMF hanno oggi il controllo di gran parte dell’Iraq occidentale dominato dai sunniti. Secondo i corrispondenti del Washington Post Tamer el-Ghobashy e Mustafa Salim, le milizie stanno ora usando il loro nuovo potere territoriale per guadagnare elevate somme di denaro. Diverse milizie del PMF gestiscono innumerevoli posti di blocco in tutto l’Iraq occidentale, su strade tra città o, in misura crescente, all’interno di città come Mosul, imponendo pedaggi per camion di rifornimento e persino per singoli automobilisti. I due corrispondenti del Washington Post lanciano l’allarme dicendo che questi  membri della milizia stanno iniziando ad utilizzare mezzi “mafiosi”, favorendo il racket della  protezione e i sequestri di automobilisti durante la notte per rilasciarli dopo il pagamento dalle rispettive famiglie.
Inoltre, i comandanti del PMF prendono decisioni arbitrarie su  quasi 2 milioni di sunniti iracheni, fatti sfollare nei campi profughi dalle loro case a causa della guerra. Molte di queste case e terreni che appartenevano ai sunniti iracheni ora vengono espropriate dai comandanti del PMF, i quali affermano che i loro precedenti proprietari, senza avere delle prove, hanno collaborato con l’ISIS. Questa pratica, dicono el-Ghobashy e Salim, sta rapidamente alterando l’equilibrio demografico tra sunniti e sciiti in tutto l’Iraq occidentale. I due corrispondenti del Washington Post avvertono che queste pratiche del PMF, simili alla mafia, stanno “aumentando  risentimenti locali, dando linfa vitale alle rimostranze sunnite che hanno sostenuto la drammatica crescita dello Stato islamico tre anni fa”.

Sciiti in Iraq come la “mafia”, elevato il risentimento dei sunniti che sostenevano l’Isis

EVIDENZA 3, MONDO |