Quattro membri dei servizi americani uccisi in Siria dall’ “illusione di sicurezza”

Views

Secondo quanto riportato dal NewYork Times, è stata “illusione di sicurezza” a causare, la scorsa settimana, la morte di quattro membri del servizio americano operanti nel nord della Siria, dopo che un attentatore suicida ha attaccato un ristorante, uccidendo almeno 19. L’attacco mortale è avvenuto a Manbij, una piccola città a maggioranza curda vicino al confine turco-siriano, che le forze americane in precedenza consideravano un’oasi di sicurezza nel paese devastato dalla guerra.

Le truppe americane hanno combattuto a fianco di una coalizione di combattenti curdi e arabi che nel 2016 hanno preso il controllo di Manbij dallo Stato islamico di Iraq e Siria (ISIS). Da allora, le forze americane sono rimaste nell’area, soprattutto per impedire un’invasione militare da parte della alleata di Washington, la Turchia, che considera i curdi come terroristi e ha minacciato di distruggere le loro forze armate.

La relativa stabilità di Manbij è stata violentemente interrotta mercoledì scorso, quando un uomo ha fatto detonare un giubbotto suicida all’interno del ristorante Palace of the Princes nel centro di Manbij. Fino a quel momento, le forze degli Stati Uniti avevano perso solo due membri durante la guerra civile siriana. Altri quattro americani sono morti nell’esplosione di mercoledì, tra cui due membri di servizio, un appaltatore militare e un ufficiale dell’intelligence civile che lavorava per il Pentagono. Altri tre americani sono stati feriti e sono stati trasportati via aerea dal paese.

In un interessante articolo pubblicato la scorsa settimana, il New York Times ha citato un membro delle forze speciali statunitensi che si chiedeva se le truppe statunitensi nel nord della Siria “avessero sviluppato un falso senso di sicurezza” in quella che rimane una pericolosa zona di conflitto. “L’illusione di sicurezza”, ha detto il commentatore anonimo, ha indotto i membri del servizio americano ad assumere un comportamento che li ha resi vulnerabili.

Il gruppo militante sunnita ha preso di mira il Palazzo dei Principi, uno dei ristoranti più popolari per gli americani a Manbij. Il Times ha citato i locali che dissero che le truppe americane sembravano mangiare lì quasi ogni volta che pattugliavano la città, “spesso molte volte alla settimana”. Avrebbero persino parcheggiato i loro veicoli militari fuori dal ristorante mentre cenavano lì. Il giornale ha osservato che molti soldati statunitensi erano “diventati compiacenti e avrebbero dovuto modificare i loro itinerari o aumentare la loro sicurezza operativa” mentre erano in pattuglia.

Sfortunatamente, tuttavia, la loro presenza – e la mancanza di sicurezza adeguata – è stata notata dallo Stato islamico, che li ha presi di mira e colpiti lo scorso mercoledì.

Quattro membri dei servizi americani uccisi in Siria dall’ “illusione di sicurezza”

INTELLIGENCE |