Iran, bloccati i social media. Le uccisioni sono state fatte da agenti stranieri, le accuse di Teheran.

Views

Decine di migliaia di iraniani stanno protestando in tutto il paese da giovedì contro l’élite clericale non eletta della Repubblica islamica e contro la politica estera iraniana nella regione. Hanno anche cantato slogan a sostegno dei prigionieri politici.
I manifestanti hanno inizialmente sfogato la loro rabbia per le difficoltà economiche e la presunta corruzione, ma hanno anche iniziato a chiedere al leader supremo Ayatollah Ali Khamenei di dimettersi.
Domenica non ci sono stati segnali di protesta e il governo ha riferito che limiterà temporaneamente l’accesso alle app di messaggistica Telegram e Instagram.
I video dei giorni precedenti pubblicati sui social media hanno mostrato la gente che cantava: “I mullah, vergogna, lasciano il paese da solo”.
I manifestanti hanno anche gridato: “Lunga vita a Re Reza Shah”. Tali frasi sono la prova di un livello senza precedenti di rabbia e rompono un tabù. Il re governò l’Iran dal 1925 al 1941 e la sua dinastia Pahlavi fu rovesciata in una rivoluzione nel 1979 dall’Ayatollah Ruhollah Khomeini, il primo leader della Repubblica Islamica.
Le proteste sono le più gravi dai disordini del 2009 che hanno seguito la contestata rielezione dell’allora presidente Mahmoud Ahmadinejad.
Sono particolarmente fastidiosi per il governo del presidente Hassan Rouhani perché è stato eletto con la promessa di garantire i diritti alla libertà di espressione e di riunione.
Il principale risultato di Rouhani è un accordo nel 2015 con le potenze mondiali che hanno frenato il programma nucleare iraniano in cambio della revoca della maggior parte delle sanzioni internazionali. Ma deve ancora portare i benefici economici che il governo ha promesso.
“Coloro che danneggiano la proprietà pubblica, violano la legge e l’ordine e creano disordini sono responsabili delle loro azioni e dovrebbero pagare il prezzo”, ha detto il ministro dell’Interno Abdolreza Rahmani Fazli.

Ali Asghar Naserbakht, vice governatore della provincia di Teheran, ha riferito all’agenzia Tasnim che alcuni manifestanti sono stati arrestati sabato.
I video pubblicati sui social media hanno mostrato che le famiglie si sono radunate davanti alla prigione di Evin a Teheran, chiedendo informazioni sui parenti arrestati nei giorni scorsi.

I manifestanti hanno sfidato la polizia e le guardie della rivoluzione che hanno usato la violenza per annientare i disordini precedenti. Le dimostrazioni potrebbero essere più preoccupanti per le autorità perché sembrano spontanee e mancano di un leader chiaro.
Nessun partito politico ha esortato gli iraniani a scendere in piazza e i leader dell’opposizione che hanno galvanizzato gli iraniani nel 2009 sono agli arresti domiciliari. Inoltre, la gamma di slogan suggerisce malcontento tra le classi sociali e le politiche del governo.
L’Iran ha un duplice sistema di governo clericale e repubblicano, in cui ogni fazione si contende il controllo. Il comandante supremo governa per la vita ed è comandante in capo delle forze armate. Inoltre nomina il capo del sistema giudiziario e, in generale, ha più potere sulla politica estera ed economica rispetto al presidente eletto.
In apparente risposta alle proteste, il governo ha appoggiato i piani per aumentare i prezzi del carburante, ha promesso di aumentare le donazioni di denaro ai poveri e di creare più posti di lavoro nei prossimi anni.
“Prevediamo che nel nuovo anno verranno creati almeno 830.000 posti di lavoro”, ha detto sabato sera il portavoce del governo Mohammad Baqer Nobakht alla televisione di stato. Non ha dato dettagli. Circa 3,2 milioni di iraniani sono senza lavoro.
Gli iraniani hanno anche espresso rabbia per i costosi interventi del loro paese in Siria e in Iraq, dove è impegnato in una guerra per procura per l’influenza contro l’Arabia Saudita rivale regionale.

I video sui social media hanno mostrato ai manifestanti nella città di Shiraz di abbattere uno striscione di Qassem Soleimani, il potente capo della Forza Quds, il ramo delle Guardie rivoluzionarie iraniane ‘che opera all’estero in Iraq, Siria e altrove.
Gli Stati Uniti hanno condannato il numero di arresti di manifestanti denunciati dai media iraniani.
Il presidente Donald Trump ha scritto su Twitter: “Le persone stanno finalmente diventando sagge sul modo in cui i loro soldi e la loro ricchezza vengono rubati e sperperati per il terrorismo. Sembra che non ce la faranno più: gli Stati Uniti stanno osservando da vicino le violazioni dei diritti umani!”
Trump ha rifiutato ad ottobre di certificare che Teheran si sta conformando sull’accordo sul nucleare del 2015 e ha dichiarato che potrebbe rescindere l’accordo. Ha inoltre illustrato un approccio più aggressivo all’Iran sui suoi programmi di missili balistici e nucleari e sul suo sostegno ai gruppi militanti in Medio Oriente.
Il Canada ha detto che è stato incoraggiato dalle proteste. Il paese ha sospeso le relazioni diplomatiche con l’Iran nel 2012 e ha definito Teheran la più grande minaccia alla sicurezza globale.
Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi è stato citato dai media statali secondo cui “l’intervento del Canada negli affari iraniani è una violazione delle convenzioni internazionali”.
I manifestanti hanno attaccato banche e edifici governativi e hanno bruciato veicoli della polizia. Due manifestanti sono stati uccisi a colpi d’arma da fuoco nella città occidentale di Dorud nella notte di sabato. Il vice governatore della provincia di Lorestan ha accusato gli agenti stranieri dell’uccisione dei due dimostranti.
“Nessun colpo è stato sparato dalla polizia e dalle forze di sicurezza, abbiamo trovato prove di nemici della rivoluzione, gruppi di Takfiri e agenti stranieri in questo scontro”, ha detto Habibollah Khojastehpour alla televisione di stato. Takfiri è un termine per i militanti sunniti estremi come lo Stato islamico.
Ahmad Khatami, un religioso clericale che guida le preghiere del venerdì nella capitale Teheran, ha chiesto la pena capitale per coloro che scandiscono slogan contro i valori della Repubblica Islamica.

Iran, bloccati i social media. Le uccisioni sono state fatte da agenti stranieri, le accuse di Teheran.

MONDO, PRP Channel |